Corsi e consulenze per usare
LinkedIn efficacemente.

Corsi e consulenza per usare
LinkedIn® efficacemente

Aumentare i follower LinkedIn: 8 modi per farlo

 

Hai aperto da poco la tua pagina aziendale  non sai come fare per incrementare le interazioni, ottenere migliori performance e aumentare i follower LinkedIn?

Se anche tu sei assalito da questi dubbi amletici, sei nel posto giusto!

In questo articolo, infatti, spieghiamo in pochi semplici passi come fare a ottimizzare e gestire con successo la pagina aziendale su LinkedIn, a migliorarne la visibilità e incrementare i follower.

Sei pronto? Partiamo!

Perché sono importanti i follower di una pagina aziendale su LinkedIn

I follower rappresentano la misura della popolarità di una pagina aziendale su LinkedIn ed esprimono il potenziale di divulgazione degli aggiornamenti pubblicati.

La crescita dei follower LinkedIn rappresenta il principale indicatore di aumento della popolarità della pagina aziendale.

Ecco perché, in ogni strategia di comunicazione che si rispetti, i follower sono considerati uno dei kpi fondamentali per valutare le performance e la crescita della pagina.

I follower possono crescere in organico, cioè grazie ai contenuti e agli aggiornamenti che vengono pubblicati sulla pagina LinkedIn, o attraverso altre attività che spiegheremo nei prossimi paragrafi.

Come Aumentare I Follower Della Pagina Aziendale Linkedin

Best practice per aumentare i follower LinkedIn della pagina 

Ammesso che non è possibile dare LA risposta esatta in assoluto poiché dipende dalla strategia dell’azienda, e che LinkedIn tende a mettere in evidenza gli strumenti a pagamento (aggiornamenti sponsorizzati), esistono alcuni semplici accorgimenti, tips e best practice che, se applicati correttamente, ti aiuteranno in poco tempo a vedere crescere il numero dei follower della tua pagina aziendale su LinkedIn.

Scopriamoli insieme.

1. Completa e ottimizza la pagina aziendale su LinkedIn

La prima cosa da fare per una gestione efficace della pagina aziendale su LinkedIn è compilarla in modo corretto e completo, in ogni sua parte.

Le pagine complete e ottimizzate su LinkedIn hanno il 30% in più di visite settimanali.

Questo perché una pagina compilata efficacemente in tutte le sue parti e ottimizzata per la SEO LinkedIn è sicuramente anche più chiara e attrattiva per il target. Inoltre, sarà anche meglio indicizzata sul motore di ricerca e quindi più facilmente rintracciabile.

Keyword

Utilizzare parole chiave nel nome, nello slogan, nella url, nella descrizione del Chi Siamo e nei settori di competenza è una strategia fondamentale per dare alla company page su LinkedIn un posizionamento chiaro e distintivo.

Logo e immagine di copertina

L’ottimizzazione passa anche per le immagini.

Una pagina aziendale su LinkedIn senza logo, o con un logo illeggibile, e senza immagine di sfondo sicuramente non attirerà l’attenzione degli utenti, perché è sinonimo di scarsa cura e quindi, di riflesso, verrà percepita come poco credibile e affidabile.

Logo e immagine di copertina hanno specifiche dimensioni da rispettare per una visibilità ottimale su LinkedIn. Per scoprire di più, leggi l’articolo “Dimensioni LinkedIn per Profilo, Pagina, Post e Immagini“.

2. Content strategy. La miglior strategia per aumentare i follower della pagina aziendale LinkedIn in modo organico

Una volta aperta la company page, è necessario studiare una strategia di comunicazione per darle valore e farla crescere – in termini di visualizzazioni, engagement e follower. Come si può fare?

  • Identificando gli obiettivi che si vogliono raggiungere su LinkedIn
  • Studiando i target di interesse per il proprio settore
  • Elaborando una content strategy chiara e coerente con la propria mission, i propri obiettivi e le proprie buyer personas

La content strategy si basa sull’elaborazione di un piano editoriale, in cui si definiscono in dettaglio:

  • gli argomenti che ha senso trattare sulla propria company page, sulla base dei propri interessi professionali e degli interessi dei propri pubblici
  • i contenuti da sviluppare mensilmente nei post su LinkedIn e le fonti da cui attingere
  • il tono di voce da adottare nella comunicazione, coerentemente con il proprio stile e la propria identità
  • la frequenza di pubblicazione: di solito si consiglia di pubblicare almeno 2/3 post a settimana per mantenere viva la pagina
  • la programmazione dei post su LinkedIn nei giorni e orari idealmente più strategici per il proprio mercato di riferimento

A che ora è meglio pubblicare su LinkedIn?

Una ricerca di Sprout Social sugli analytics di LinkedIn rivela che i momenti in cui si registra un più alto engagement degli utenti sono i giorni centrali della settimana, nella fascia oraria che precede le 9 del mattino, intorno all’ora di pranzo e tra le 17 e le 18.

LinkedIn, in realtà, non rilascia indicazioni ufficiali sulla propria audience. Ma la nostra esperienza e i nostri test ci portano a dire che i giorni e la fasce orarie indicate rappresentano degli ottimi momenti per la pubblicazione di contenuti sulla piattaforma. In ogni caso, il consiglio che diamo sempre è quello di sperimentare sulla propria audience.

Tipologie e caratteristiche dei contenuti per LinkedIn

Su LinkedIn si possono pubblicare articoli, post e storie.

Gli articoli

Sono testi lunghi di approfondimento, con possibilità di formattazione e rich media.

Non hanno praticamente limiti sul numero di parole. Sono utili nel caso in cui si abbia bisogno di più spazio per spiegare qualcosa o si voglia, ad esempio, pubblicare un focus dedicato a specifici argomenti.

Per sapere di più leggi questo articolo su come pubblicare un articolo su LinkedIn.

I post

Sono il formato più conosciuto sui social: un testo breve, su LinkedIn di massimo 3.000 caratteri, corredato da immagini, video, pdf o link esterni che racconta una storia.

A seconda dell’approccio che si sceglie di dare alla propria comunicazione, i post possono avere un taglio informativo, educational, di intrattenimento/coinvolgimento, promozionale. Oppure possono comunicare il know-how dell’azienda o i trend di mercato.

Si stima che circa il 60% degli utenti sia interessato alle informazioni di settore e solo il 43% (che non è pochissimo però) alle news sui prodotti/servizi delle aziende.

Qualunque sia il contenuto che si vuole comunicare su LinkedIn e l’approccio scelto, è fondamentale cercare di essere subito chiari e incisivi nelle proprie comunicazioni, per catturare l’attenzione degli utenti.

I media che si decidono di aggiungere ai post possono avere un ruolo fondamentale nell’engagement del contenuto. Ad esempio:

  • le immagini con le persone (reali) sono sempre molto apprezzate dagli utenti su LinkedIn
  • il video è un formato che continua ad avere ottime performance, ovviamente se pensato ad hoc per LinkedIn
  • i documenti (pdf) composti da più pagine lavorano molto bene, perché la visualizzazione di ogni slide viene conteggiata come click. E questo incide positivamente sulla percentuale di interesse del contenuto.
Le storie

Sono una recente introduzione di LinkedIn. Disponibili solo da mobile, tramite App di LinkedIn per profili personali e pagina aziendali, funzionano esattamente come sulle altre piattaforme social.

Hanno una durata massima di 20 secondi e sono visibili per 24 ore.

Presentano poche opzioni per il coinvolgimento dei follower della pagina, ma possono risultare utili per promuovere post o articoli pubblicati, oppure per raccontare momenti di backstage. In sinergia con gli altri formati di contenuto disponibili su LinkedIn.

A breve però (entro fine settembre 2021, a distanza di solo 1 anno dal lancio) LinkedIn dirà addio alle storie. Una modalità di comunicazione forse troppo “effimera” per un social network professionale, dove gli utenti puntano a costruire la loro reputazione con contenuti attuali e duraturi.

3. Dai visibilità ai contenuti pubblicati sulla pagina aziendale LinkedIn

Abbiamo visto che pubblicare contenuti di valore su LinkedIn con costanza permette alla pagina di ottenere una buona visibilità, ricevere maggiori interazioni e aumenta la possibilità di incrementare gradualmente il numero di follower in organico.

post di qualità, infatti, sono la principale fonte di nuovi follower su LinkedIn, grazie alle interazione dei lettori che consigliano, commentano o condividono. Ma ricordati che:

Content is King, distribution is the Queen.

E per ottenere risultati concreti occorre cercare di amplificare i contenuti pubblicati, per dar loro la maggior visibilità possibile.

Cosa fare, allora, dopo aver pubblicato contenuti sulla pagina LinkedIn? Ecco alcune semplici consigli da tenere sempre a mente!

  1. Notifica la pubblicazione del post ai dipendenti, attraverso il bottone Informa i Dipendenti che appare dopo aver postato il contenuto
  2. Condividi il post con altre persone in target (via Whatsapp, Telegram, messaggio, email, canali aziendali come mailing list o altri social) per portare traffico alla pagina
  3. Gestisci e stimola l’interazione con commenti e menzioni per attirare l’attenzione degli utenti
  4. Coinvolgi i team dell’azienda a interagire coi contenuti della pagina, per migliorare la notorietà e la reputazione (sia della company page che dei dipendenti stessi)

4. Invita i collegamenti a seguire la pagina aziendale

Su LinkedIn non è facile aumentare velocemente i follower LinkedIn.

La crescita organica è abitualmente lenta, ma una spinta può essere data dalla funzione “Invita i collegamenti a seguire” che permette, con un solo click, di invitare i collegamenti di primo grado (in target) a seguire la pagina.

Ovviamente, l’invito non va esteso a tutta la rete a caso, ma solo ai collegamenti che potrebbero essere effettivamente interessati a diventare follower della tua pagina aziendale su LinkedIn. Questo anche perché ci sono dei limiti nell’uso di questa funzione.

Infatti gli inviti disponibili sono 100 al mese per pagina, ma c’è un intelligente meccanismo di restituzione dei crediti: ogni invito accettato permette infatti di averne uno in più da mandare, nello stesso mese solare.

5. Usa l’advertising. Per far crescere le interazioni e i follower della pagina LinkedIn

Un modo per far crescere più velocemente la pagina, l’audience e le interazioni, è quello di investire budget nella sponsorizzazione degli aggiornamenti. In questo modo appariranno nel newsfeed anche dei non follower che sono in target rispetto alle impostazioni della campagna specifica.

Se sei abituato alla sponsorizzazione dei post su Facebook o Instagram, sappi che la sponsorizzazione su LinkedIn è piuttosto costosa. Il costo per follower è solitamente molto elevato (supera i 10€ a follower).

Per far crescere i follower LinkedIn della pagina è consigliabile:

  • sponsorizzare i post con l’obiettivo “Interesse, che permette di mostrare il bottone “Segui” accanto al post, per invitare immediatamente gli utenti a seguire la pagina
  • scegliere gli annunci display con contenuti dinamici

Esistono comunque diverse opzioni, consulta la nostra guida all’advertising su LinkedIn per saperne di più.

 

6. Pubblica offerte di lavoro

Su LinkedIn, le offerte di lavoro con “Candidatura semplice” aggiungono di default il candidato come follower, che però può anche deselezionare l’opzione.

Se usata con parsimonia (quindi solo per le posizioni reali), questa funzione è interessante perché permette di far crescere l’audience della pagina con pochi sforzi. Ovviamente va fatto un ragionamento su chi sono questi follower e che valore possono avere per l’azienda.

7. Crea eventi o live streaming sulla pagina aziendale LinkedIn

Un altro modo (gratuito) per dare visibilità e far crescere i follower LinkedIn è quello di creare pagine evento o realizzare live streaming su LinkedIn (in quest’ultimo caso, possibile solo se si ha richiesto e ottenuto l’autorizzazione da LinkedIn).

L’obiettivo di queste attività è quello di offrire gratuitamente un valore aggiunto per portare traffico alla pagina, migliorare l’engagement e le performance in generale.

 

8. Analizza le performance della pagina LinkedIn

Infine, è sempre utile analizzare l’andamento della pagina per valutare:

  • quali contenuti hanno performato meglio, in termini di visualizzazioni, CTR, interazioni e percentuale di interesse
  • quante visualizzazioni ha ottenuto la pagina nel periodo di riferimento
  • come e se sono aumentati i follower della pagina aziendale

L’analisi dei principali kpi sono fondamentali per monitorare l’attività della pagina LinkedIn e intervenire con azioni correttive o nuove strategie, laddove i risultati raggiunti non siano soddisfacenti.

Aumentare I Follower Della Pagina Aziendale Linkedin
Aumentare i follower LinkedIn: 8 modi per farlo 7

E adesso che hai capito come fare per aumentare i follower della tua pagina aziendale, tocca a te!

Alessandro Gini
Alessandro Gini è un formatore e consulente LinkedIn indipendente tra i primi in Italia. Dal 2013 quando ha avviato questo blog scrive articoli di divulgazione sul blog e aiuta professionisti ed aziende ad usare LinkedIn efficacemente. Le sue specializzazioni sono il personal branding, il social selling e l'advertising su LinkedIn.

Articoli recenti

Pagina LinkedIn: come funziona e come gestirla

Da quando è nato nel 2003, LinkedIn di strada ne ha fatta! Da un lato si è sviluppato il social media marketing, che è...

Competenze LinkedIn: come gestirle al meglio

Ammettiamolo, tutti noi amiamo e odiamo le Competenze LinkedIn, nota anche come "Skills and endorsement". L'idea è quella di sfruttare la riprova sociale, un concetto...

Come scrivere un riepilogo LinkedIn efficace

Il Riepilogo LinkedIn, detto anche Informazioni o Summary LinkedIn, è il primo testo che viene letto dopo aver aperto il profilo LinkedIn di un...

Seguici

Post correlati