Corsi e consulenze per usare
LinkedIn efficacemente.

Corsi e consulenza per usare
LinkedIn® efficacemente

Richieste di collegamento su LinkedIn: chi accettare o invitare?

E’ sicuramente capitato a tutti di chiedersi se accettare o meno le richieste di collegamento su LinkedIn provenienti anche da persone che non conosciamo.

In questo articolo vediamo quali sono le policy da seguire per costruire una rete di contatti di qualità con collegamenti interessanti e potenzialmente utili.

Richieste Di Collegamento Su Linkedin

Come gestire le richieste di collegamento su LinkedIn

Per aumentare la rete di contatti si devono accettare tutte le richieste di collegamento su LinkedIn?

L’esperienza mi ha insegnato che dipende dalla condizioni, ma può essere sicuramente un errore accettare tutti indiscriminatamente.

Il punto essenziale è che su LinkedIn non vogliamo solo aumentare il numero dei collegamenti per questioni di status o altro, ma vogliamo creare delle relazioni con altri professionisti.

Per questo la qualità della rete è essenziale, ma occorre anche considerare altri 2 aspetti.

1 – Il numero critico

La quantità in qualche modo conta, infatti per sfruttare al meglio le funzioni di LinkedIn e avere un buon posizionamento sappiamo che empiricamente occorre avere almeno 200/300 connessioni di 1° grado.

Non li vogliamo a qualunque condizioni, ma è un numero da considerare.

2 – Il valore della rete indiretta

Talvolta su LinkedIn un collegamento interessa anche in quanto snodo, ponte verso una rete più ampia. Infatti ogni volta che ci si collega con una nuova persona gli altri suoi collegamenti diventano per noi membri di 2° grado (e viceversa).

Per le dinamiche di ricerca e di diffusione dei contenuti di LinkedIn questo bacino dei collegamenti di 2° grado rappresenta la sfera di influenza, quella in cui si riesce ad operare, ed è bene quindi che anche questa sia ampia e di qualità. Da qui la visione dei collegamenti come ponte.

Chi fa del networking il proprio mestiere sa bene quanto sia fondamentale gestire con attenzione e cura le richieste di collegamento su LinkedIn e conosce le potenzialità dei collegamenti di 2° livello. Spesso, infatti, è proprio grazie ai nostri collegamenti indiretti che possono nascere grandissime e inaspettate opportunità di business.

La definizione di una policy personale

Visti questi due punti campiamo quindi che può essere strategico costruire una rete “a maglie larghe”, anche considerando che il legame tra membri di LinkedIn è quello che si definisce “legame debole”: si condividono informazioni poco riservate.

Come dicono alcuni: sono più i potenziali vantaggi che i possibili svantaggi portati da un nuovo collegamento.

Ora, per dare un senso alla costruzione della rete possiamo definire una policy personale da utilizzare per studiare il profilo in cerca di spunti per decidere se accettare o meno il collegamento.

Definisci i tuoi sicuramente sì

Qui dovrebbero stare tutte le persone che già conosci o che anche se non conosci potrebbero essere direttamente utili al raggiungimento dei tuoi obiettivi su LinkedIn.

Quindi chiediti:

  • conosco la persona che mi ha chiesto il collegamento?
  • vorrei entrarci in contatto per sviluppare il mio business e la mia professionalità?
  • sarebbe utile prima o poi averla tra i miei contatti?
  • abbiamo collegamenti o esperienze in comune?

Se valutiamo che possano esserci uno o più motivi validi per entrare in contatto con un nuovo utente, non facciamoci troppi problemi e colleghiamoci subito. Si farà sempre in tempo nel caso a rimuovere il collegamento

Definisci i tuoi sicuramente no

Qui dovrebbero stare tutti i profili che possono sembrare finti o senza alcun interesse, con cui non si avrebbe nulla da condividere e che probabilmente non sono nemmeno collegati con altri professionisti  interessanti.

Quindi chiediti:

  • questo profilo sembra finto, creato apposta per fare spam o phising?
  • proviene da una zona geograficamente remota e non collegata al mio business?
  • lavora in un settore o ha una funzione che non può essere nemmeno lontanamente interessante per me né ora né in futuro?

Che dire dei concorrenti?

E’  sempre utile valutare il contesto e analizzare l’attività dei vostri competitor per capire qual è l’obiettivo di avervi tra i loro contatti: potrebbero chiedervi il collegamento solo per attingere alla vostra rete e vedere come vi muovete verso i clienti, oppure per ragioni ben diverse. Non è un raro che tra professionisti che si rispettano e che hanno il medesimo target e in medesimi obiettivi possa nascere una proficua collaborazione su qualche tipo di progetto. 

Ricorda che in ogni caso potrai nascondere la tua rete di contatti agli altri tuoi contatti, per proteggere la privacy.

In tutti gli altri casi fatti la domanda chiave: questa persona potrebbe essere collegata con qualcuno che potrebbe interessarmi? Potrebbe quindi far espandere la mia rete indiretta in una direzione interessante?

Chi invitare a collegarsi?

Cambiando punto di vista potremmo chiederci: a chi inviare richieste di collegamento su LinkedIn?

Dal mio punto di vista la rete di LinkedIn dovrebbe crescere rispecchiando la propria rubrica di contatti, per cui non dovrebbero mancare gli inviti a:

  • colleghi ed ex colleghi
  • prospect, clienti, ex clienti
  • collaboratori e fornitori
  • tutte le conoscenze lavorative che abbiano affinità di qualche tipo con noi

Ricordiamoci sempre che è fondamentale mandare insieme all’invito un breve messaggio di presentazione o del perché vogliamo aggiungere l’utente alla nostra rete. Un breve testo di accompagnamento alla richiesta sarà sufficiente e darà l’impressione che si sta facendo una scelta ragionata e non una serie di “richieste a pioggia”.

E tu, come gestisci le richieste di collegamento su LinkedIn?

Alessandro Gini
Alessandro Gini è un formatore e consulente LinkedIn indipendente tra i primi in Italia. Dal 2013 quando ha avviato questo blog scrive articoli di divulgazione sul blog e aiuta professionisti ed aziende ad usare LinkedIn efficacemente. Le sue specializzazioni sono il personal branding, il social selling e l'advertising su LinkedIn.

Articoli recenti

Pagina LinkedIn: come funziona e come gestirla

Da quando è nato nel 2003, LinkedIn di strada ne ha fatta! Da un lato si è sviluppato il social media marketing, che è...

Competenze LinkedIn: come gestirle al meglio

Ammettiamolo, tutti noi amiamo e odiamo le Competenze LinkedIn, nota anche come "Skills and endorsement". L'idea è quella di sfruttare la riprova sociale, un concetto...

Come scrivere un riepilogo LinkedIn efficace

Il Riepilogo LinkedIn, detto anche Informazioni o Summary LinkedIn, è il primo testo che viene letto dopo aver aperto il profilo LinkedIn di un...

Seguici

Post correlati